3 Podi a Pietra e mezzi di Lovere e a St. Pölten

  • 0

3 Podi a Pietra e mezzi di Lovere e a St. Pölten

Category : Archivio Post

13221481_1149316248453387_3183773495300192009_n 13235610_1149316721786673_1212485231226611451_o 13255903_10209485493242556_3739072670020977708_n

3 podi al mitico olimpico di Pietra Ligure

Ci sono poche gare mitiche come l’olimpico di Pietra Ligure e ogni volta che la fai ti rendi conto dove risiede la sua particolarità: non è nelle acque cristalline del mar Ligure, neanche nelle verdi montagne o nella pittoresca cittadina che profuma a fritto misto e pesto genovese. Pietra Ligure è unica per la sua durezza e le diverse facce che ogni anno propone ai numerosi triathleti che si sfidano in questo appuntamento.

Lo sanno bene i nostri ossigenati che, chi per la prima volta, chi annualmente, vuole vedere il proprio nome nell’elenco dei finisher.

Il 2016 vede 6 ossigenati in gara e con ben 3 podi di categoria!

13248570_1149315565120122_3886323932472077933_oPresente il nostro fortissimo Davide Campiotti che si esprime al meglio con un nuoto veloce ed una bici che fa registrare il 4° tempo totale, correndo i 10k in 37’ e riesce a conquistare l’oro di categoria e il 4° posto nella classifica finale.

La famiglia Wolfart si conferma ancora una volta protagonista nelle classifiche assolute e di categorie. Erik conferma a tutti i partecipanti della categoria M2 che il gradino più alto è il suo, mentre Silvia raggiunge l’argento di categoria ed un 5° posto assoluto aggiornando la sua personale classifica in Trilli 2 – Pietra 2 (a quanto pare 2 volte ha vinto la gara su di lei, ma non è chiaro come si attribuiscano i punteggi visto che i podi non le sono mai mancati).

Max nuota molto bene, spinge in bici quanto può ma non è abbastanza per non vedersi superare in salita ed in discesa, ed è costretto a rallentare la corsa per i crampi. Bravo il nuovo Matteo Benatti che non sembra affatto provato dalle fatiche di Pietra e corre forte fino alla fine. Il nostro IronJens  fa la gara come al suo solito, con costanza e decisione!

13268361_1149315088453503_7826074166362544611_o 13246383_1149314935120185_7998850501314077031_o 13260087_1149314491786896_2152044632693092679_n

Il tifo è stato garantito dalla coppia Javier e Carmen che con Crostatina e la prole Wolfart, hanno sostenuto i nostri atleti con le bolle soprattutto durante la frazione podistica segnata dal caldo afoso.

Mentre c’è chi promette che è l’ultima volta, e chi spera che un anno trascorra lentamente per il prossimo incontro contro Pietra, ecco le classifiche uomini ed i tempi di Silvia:

Gen Bib First Name

Nat.

Cat

Cat P.

P.Sex

Time.
4 9 CAMPIOTTI DAVIDE S2 1 4 2:11:09 +6:08
8 4 WOLFART ERIK M2 1 8 2:13:18 +8:17
90 60 DIOGUARDI BURGIO MASSIMO S4 18 90 2:29:49 +24:48
127 279 BENATTI MATTEO S2 10 127 2:34:06 +29:05
360 393 IronJens M1 105 360 3:01:05 +56:04

 

Gen Bib First Name

Nat.

Cat

Cat P.

P.Sex

Time.
5 103 STINGELE SILVIA M2 2 5 2:42:58 +20:35

 

Mezzo Ironman di Lovere e 70.3 IM di St Pölten

13241194_10208021964159199_7611019689495192793_n 13226917_962507443864566_2122514158780893619_n

Domenica anche di mezzi Ironman per Enrico Minarini, Paolo Terrazza e Mario Farsetti che scelgono niente meno che il campionato italiano di Lovere, e di Daniele Pitzolu che preferisce il circuito targato IM in Austria, a St Pölten.

Il campionato italiano di Lovere ogni anno diventa più duro. I nostri ossigenati ci raccontano di acque gelide, con temperature dichiarate di 14° ma percepite di almeno 12° che portano a cercare di riattivare la circolazione durante i momenti in cui le mani escono dall’acqua. La bici è stata modificata anche quest’anno, prevedendo per due volte la stessa salita dura lunga circa 5km con un dislivello medio dell’8%, stile Cuvignone per intenderci. Per fortuna sia la cima che le parti in piano sono caratterizzate da panorami mozzafiato. La corsa è degna dell’alto livello dei partecipanti, con 4 giri che prevedono serpentine e uno strappetto da fare tutto in spinta.

Da evidenziare l’ottimo esordio di Paolo che prova per la prima volta questa distanza, Mario che torna in sella dopo uno stop che lo aveva allontanato per un po’ dagli allenamenti ed ancora una buona prova del nostro IronEnry in vista del mezzo di Pescara tra 3 settimane.

Ecco la classifica:

Gen Bib First Name

Nat.

Cat

Cat P.

P.Sex

Time.
212 205 MINARINI ENRICO MARIA M2 31 211 5:19:37
279 330 TERAZZA PAOLO S4 78 278 5:33:22
289 216 FARSETTI MARIO M4 9 288 5:36:50

Daniele è felice per la trasferta in terra austriaca e ricorda di una mezza lunga e sofferente, dovuta a crampi lunghi quanto una mezza maratona:

RACE SUMMARY
Swim: 40:07
Bike 2:59:09
Run 1:57:44
Overall 5:47:18

 

 


Leave a Reply